logo00a.jpg.SWP

Online

Abbiamo 25 visitatori e nessun utente online

Racconti

Supermamma

Supermamma
In questo libro (di A. Lavatelli) un bambino parla della sua supermamma perché ha superpoteri. Per esempio quando ha un dentino che gli dondola,la mamma glielo stacca senza fargli male.Poi se non riesce a dormire, la mamma gli racconta una storia e si addormenta subito. Però, il bimbo dice anche che quelli della sua mamma sono supercastighi e supersgridate. Come, ad esempio, quando ha detto alla sua nonna che era vecchia come una tartaruga. Infine il bambino dice di essere superfortunato ad avere una mamma così perché anche le sue sorprese sono supersoprese e le sue coccole sono supercoccole.
Questa storia mi è piaciuta perché questa mamma assomiglia molto alla mia mamma!
Giulia
I.C.Ceneda -Roma

Corallo, il pappagallo

Corallo il pappagallo e...la superparlantina
Ho letto la storia di Corallo il pappagallo (di A. Rimei) e questo pappagallino per me è molto buono perché cerca di accontentare Giangallo il suo papà. Giangallo, invece , mi è antipatico perché vuole che Corallo vinca il titolo di presentatore dell'anno, proprio come lui.
Secondo me, i genitori non devono decidere la vita dei propri figli, ma solo dare dei buoni consigli !!!
Giulia
I.C.Ceneda -Roma

James Patterson

Mia madre mi ha comprato il libro Scuole medie, i peggiori anni della mia vita di James Patterson.
L'ho iniziato ieri e ho già letto 45 pagine ... è divertentissimo!
Daniele                    Ist. Annibale M. di Francia

Caro Daniele, io ho letto (sempre di James Patterson ) "Scuola media fatemi uscire da qui" ed anch'io l'ho trovato molto bello perché  è pieno di fantasia.

Leonardo

 

Briciola il cagnolino

Briciola il cagnolino
C'era una volta una famiglia con sei figli, ma senza un cane. I bambini convincono mamma e papà a prendere un cucciolo dal canile e lo chiamano Briciola. Lo fanno giocare e si divertono tantissimo. Spesso vanno al parco con Briciola e a passeggio. Briciola è un cagnolino allegro e ama le coccole dei suoi piccoli amici. Un giorno, però, si allontana da casa, gironzola per la città e si perde. Dopo un po' di tempo un amico dei bambini stava andando da loro e, per strada, riconosce Briciola. Il cucciolo era impaurito e stanco. Il bambino lo prende e lo riporta ai suoi amici dopo averlo salvato da una macchina che stava per investirlo. Così Briciola ritrova, felice e contento, la sua famiglia.
Giulia
I.C. Ceneda -Roma

La più tosta del reame

Ho appena finito di leggere un libro che si chiama " La più tosta del reame" di Sarah Mlynowski e parla di due bambini che bussando allo specchio del loro scantinato finiscono nella fiaba di Biancaneve e i sette nani che hanno tutti nomi diversi alla fiaba vera, ma alla fine invece che il principe baciare Biancaneve succede il contrario.
E' una storia molto lunga perchè i due bambini arrivano nel momento che la strega le vuole dare la mela, ma loro la cacciano perché sennò la avvelenava.
Da lì lei non è svenuta e quindi il principe non arriva, ma loro intelligentemente la mettono in una teca per far finta.
Il bello che si scopre leggendo il libro è che un giorno nella fiaba significa un'ora nella realtà

Alice

I.C.Via Lusitania

Background Image

Header Color

:

Content Color

: